Inaugurato l'ufficio
La Regione va a Bruxelles

Bassolino: sede importante per non disperdere risorse

BRUXELLES
I fondi strutturali? Non saranno più un problema per la Campania. Come non ci dovrebbero essere più ritardi nella conoscenza delle leggi, né difficolta a trovare interlocutori in seno al Parlamento e alla Commissione Europea.
Per gli imprenditori e per i giovani alla ricerca di sitemazione. Ieri pomeriggio si è inaugurato, infatti, l'Ufficio della Regione a due passi da tutte le strutture comunitarie. Alle 18 il taglio del nastro nell'ampio locale (400 metri quadri), diviso in una quindicina di vani, tappezzati dalle bellissime foto di Alain Volut, in pieno centro di Bruxelles. Afesteggiare la nascita della nuova strutturaanche il presidente della Commissione Europea Romano Prodi e, ovviamente, il governatore Antonio Bassolino, reduce da un incontro in mattinata con il commissario europeo Mario Monti: "Avremo finalmente la possibilità di utilizzare le risorse europee che sono disponibili per la nostra regione, senza più disperderle.
Con questa sede potremmo quindi programmare, pianificare nuove scelte a 360 gradi", ha detto ieri il presidente della Regione.
"A partire dai temi forti, come quelli che riguardano infrastrutture e trasporti, su cui noipuntiamo molto. Il nostro impegno è volto al completamento di tutte le linee intermedie in ferro e sulla creazione di una sorta di metropolitana regionale. Poi, il Mediterraneo, l'acqua. Puntiamo tutto sulle autostrade del mare continua Bassolino sulrafforzamento dei porti esulla creazione di interporti. Ma non dimentichiamoci che questa struttura servirà a tutto cio che significa beni cul turali, ambiente e turismo. 500 milioni di euro (1000 miliardi delle vecchie lire) saranno impegnati per Napoli e per le zone archeologiche, per la Reggia di Caseerta e i Campi flegrei".
Ma saranno soprattutto i fondi per l'imprenditoria, grande media o emergente che sia, l'interesse principale del nuovo ufficio della regione, che sarà coordinato dal funzionario Dario Gargiulo, da sei anni impegnato a Bruxelles per conto della Regione.
A lui si affiancheranno altri due dirigenti di Palazzo Santa Lucia, Vanni De Stefano e Adele Benevento, e, per ora, un paio di consulenti. Supervisore del tutto sarà il capo area dell'uffico della presidenza, Giuseppe Catenacci, una delle anime della nuova iniziativa. Tommaso Iavarone, Gianpiero de la Feld e un nugolo d'imprenditori napoletani impegnati in Belgio hanno testimoniato l'interesse delle aziende per il nuovo ufficio, presentato anche dall'europarlamentare Giorgio Napolitano, da Umberto Vattani, ambasciatore italiano all'Unione Europea, con i funzionari, gli assessori Marco Di Lello, Adriana Buffardi, Vincenzo Aita,Ennio Cascetta e Antonio Valiante, vice presidente della giunta regionale, gli ex assessoriAndrea De Simone e Antonio Ruggiero e duepresidenti di province campane; Carmine Nardone e Francesco Maselli.

Vanni Fondi

28 maggio 2002